FAQ di Ematologia

Grazie ad alcuni nuovi servizi è possibile costituire una linea diretta con i medici dell’Unità Operativa di Ematologia degli Spedali Civili di Brescia per porre domande di argomento legato all’ematologia.

Per comunicare un quesito selezionare “CONTATTI” dal menù principale e compilare e inviare il modulo per email.

Leucemia linfoblastica acuta – Philadelphia

Mia moglie dal dicembre 2002 e' affetta da leucemia linfoblastica acuta philadelphia + con 200.000 globuli bianchi alle prime analisi emocromo. Andata in remissione al primo ciclo di chemioterapia ne ha fatti altri, fino al trapianto da donatore sconosciuto ai primi di luglio 2003. Qualche problema di bronchite e due riattivazioni del citomegalovirus hanno caratterizzato il periodo post trapianto fino ad oggi, oltre a un perdurante sottopeso (dai 52 kili prima malattia ai 37 kili attuali.
Continua a leggere...

Leucemia linfoblastica acuta – Philadelphia

Buongiorno, sono un ragazzo di 26 anni affetto da leucemia linfoblastica acuta Philadelphia +, ho la fortuna di avere una sorella compatibile al 100 % ed a fine mese di maggio faro' il trapianto di midollo... Ora mi chiedo: e' vero che e' la più difficile da curare? Quante possibilita' ci sono di guarire definitivamente (tenendo conto che assumo glivec senza problemi ed ho raccolto le mie cellule staminali come scorta dopo aver superato abb bene 3 cicli di chemio)? Potro' tornare a fare attivita' fisica?
Continua a leggere...

Leucemia mieloide acuta

Sono medico, purtroppo a mio padre (86enne in perfetto benessere e con esami normali fino a 8 mesi fa) circa 15 gg. fa è stata diagnosticata, casualmente in esami di routine, seguiti da mieloaspirato, una leucemia mieloide acuta, verosimilmente su base mielodisplasica (displasia trilineare nell'agoaspirato midollare, blasti maggiori del 30%). Attualmente è presente una pancitopenia (senza grossi sintomi soggettivi) che il Curante tratta con trasfusioni di eritrociti concentrati. Esiste una qualsiasi terapia "più incisiva" e che possa migliorare la prognosi, altrimenti scadentissima?
Continua a leggere...

Leucemia mieloide acuta

Intorno a metà febbraio il Medico Generico si è accorto di alcuni valori delle piastrine che erano bassi (circa 7000) ed hanno fatto ricoverare d'urgenza mio padre di Anni 72. Il medico dell'ospedale ci ha dato la notizia che mio padre è affetto da leucemia promielocitica ed hanno iniziato la terapia con VESANOID dopo una trentina di giorni il valore delle piastrine è cominciato a salire ed a fine marzo dall'esame del midollo si è riscontrato la remissione completa della malattia, per ora sta continuando la terapia con VESANOID (15 GIORNI DI TERAPIA E 20 GIORNI DI PAUSA).
Continua a leggere...

Leucemia mieloide acuta

A mio padre (73 aa.)sempre in salute, pieno di energia, è stata diagnosticata due giorni fa, una leucemia acuta mieloide con severa anemia e diminuzione di piastrine (sotto 26000) sono iniziate le trasfusioni e chiaramnete lui sta meglio, e anche trattamenti con cortisone. Mi è stata proposta la chemioterapia che purtroppo porterebbe essendo fortemente aggressiva, almeno il tipo pensato, ad ulteriore riduzione delle piastrine rischio di emorragia e infezioni.
Continua a leggere...

Leucemia mieloide acuta

alve, mia cugina trentenne è deceduta qualche giorno fa a causa di una leucemia mieloide acuta in recidiva. La diagnosi nell'ultima cartella clinica, è stata quella dello "spappolamento dell'esofago", lesioni all'esofago ed al fegato con un forte ittero. La vicenda è abbastanza complessa, ed il peggioramento delle sue condizioni si è avuto nel giro di poche ore.Ad oggi, non sappiamo cosa possa aver provocato una reazione così letale ed improvvisa su una paziente che risultava essere in buone condizioni di salute nel giorno precedente all'evento infausto.
Continua a leggere...

Leucemia mieloide acuta

A mia nipote 30 anni è stata diagnosticata una leucemia acuta, i medici dicono fra le peggiori, vorrei sapere le possibilità di guarigione che ci sono essondo cosi giovane. Dall'esame del midolllo risulta leucemia acuta di tipo mieloide, nella scorsa settimana c'e stato un peggioramento respiratorio dovuto ad una bronco polmonite ora regredita quasi totalmente.
Continua a leggere...

Leucemia mieloide acuta

A mia madre, di 78 anni, in perfetta forma fisica è stata diagnosticata una leucemia acuta mieloide M1. Belasti mieloide pari al 37% all'esame morfologico midollare e displasia della serie megacariocitaria. Ha cominciato la terapia chemioterapia con Vidaza. Vorrei sapere per favore se ci sono probabilità di remissione e, in caso negativo, qual è il decorso della malattia. Anonimo
Continua a leggere...

Leucemia mieloide acuta

Buon giorno, mio padre di 61 anni è stato affetto 10 anni fa da una leucemia acuta, trattato con ARA C per tre volte ha avuto una remissione completa, e quindi considerato guarito. A distanza di 10 anni gli è stata diagniosticata una ricaduta di lam m4. E' stato trattato con gli stessi metodi, e con i primi 2 cicli ha avuto una remissione completa, poi ha avuto una grave forma di infezione polmonare dovuta a aspergillus,e non hanno potuto ripetere la terapia di consolidamento.
Continua a leggere...

Leucemia mieloide cronica

A mia mamma, che ha 56 anni, e' stata diagnosticata una leucemia mieloide cronica il 13 novembre 2003. I sintomi erano : stanchezza, colpi di calore notturni. Al momento della diagnosi la milza aveva dimensioni doppie rispetto al normale. In questo momento si trova in ospedale e viene trattata con mg400 di Glivec da 3 giorni. Vorrei avere maggiori informazioni sulla sopravvivenza con questo tipo di malattia. Grazie.
Continua a leggere...

Leucemia mieloide cronica

A mia mamma di 69 anni nel marzo 2002 è stata diagnosticata la leucemia mieloide cronica.Attualmente è in terapia con il Glivec dal 29/9/02. Dopo una prima risposta a livello ematologico c'è stato un miglioramento anche a livello citogenetico, ma all'esame del midollo del 1/10/03 si è evidenziata la seguente situazione: Riarrangiamento BCR-ABL t(9;22)(q34;q11)p210(b2a2) con segnale "debole", copie BCR-ABL: 1949. All'esame del sangue del 25/11/03 sono comparse delle cellule immature nel sangue (blasti 1%), cosa significa? La malattia sta degenerando?
Continua a leggere...

Leucemia mieloide cronica

Gentili Medici, scrivo per conto della mia mamma affetta da Linfoma a grandi cellule (gia trattato con schema Chop in remissione) e da leucemia mieloide Cronica. Avendo terminato i clichi di terapie per il linfoma a inizio dicembre abbiamo iniziato circa 15 gg. fa la terapia per la lmc con Glivec 4 compresse, utroppo abbiamo dovuto interrompere la terapia, perchè tutti i volori del sangue si erano abbassati Glubuli bainch 1800 piastrine 30000 -emoglobina a 10 per dolori ossei diffusi e una forte ritenzione idrica.
Continua a leggere...

Sindromi mieloproliferative

Salve, sono un donatore di sangue e fino ad oggi non ho sofferto di particolari problemi di salute. Recentemente è stato rilevato un anomalo aumento delle piastrine. Il valore, nel susseguirsi delle varie analisi effettuate, varia fra le 400000 e 700000. Gli altri valori dell'emocromo e del ferro risultano nella norma, tranne un valore lievemente alto del colesterolo (di cui peraltro ho sempre sofferto) a 235. Mi è stata suggerita una visita ematologica, in seguito alla quale mi è stato eseguita aspirazione del midollo ed analisi. La diagnosi è stata quella di "quadro compatibile con sindrome mieloproliferativa cronica ad impronta trombocitemica".
Continua a leggere...

Sindromi mieloproliferative

Gentili Dottori, mia madre di anni 74, da circa due risulta affetta da trombocitemia essenziale, diagnosticata presso l'Ospedale di Bari. Dall'esordio della malattia i valori dell'emocromo erano: G.B.5.000.000; G.B. 10000; HGB 17; PLT 700.000 ecc.. Attualmente, dopo l'assunzione periodica dell'idrossiurea e aspirina 100mg i valori delle plt sono intorno alle 400.000. Desidero conoscere il decorso della malattia, atteso che la paziente non ha mai avuto problemi vascolari e simili, se ci sono nuovi farmaci tipo "glivec" nonchè altre delucidazioni della specie.
Continua a leggere...

Mielodisplasie

Ad un mio parente di 79 anni, è stata riscontrata una mielodsplasia (pre-leucemia) non severa circa 1,5 anni fa. All'inzio è stato trattato con eritropietina e zarzio per globuli bianchi, dopo di che è stata soppressa la cura perchè sembra non dare risultati. In tutto il periodo sono state fatte trasfusioni che riportavano livelli di emoglobina a valori non normali ma almeno accettabili. Ora dopo varie prove e verifiche e dopo aver anche cercato di iniziare la cura con Exjade per ridurre il ferro nel sangue sono passati a provare una cura con punture sottopelle di Azacitidina.
Continua a leggere...

Trapianto di midollo

Salve,mi rivolgo a Voi per avere qualche informazione in più riguardo i trapianti di midollo osseo anche da familiare compatibile a 50%. Ho una sorella di 30 anni alla quale è stata recentemente diagnosticata una LMA (non conosco il cariotipo), ha subito effettuato il primo ciclo di chemioterapia di induzione ed ha appena finito un secondo ciclo di consolidamento. I test di compatibilità hanno evidenziato una compatibilità al 50% con l'altra sorella.
Continua a leggere...

Talassemia

Buongiorno, ho 36 anni e sono affetta da talassemia intermedia, nel 1999 mi è stata asportata la milza in quanto all'interno si era formata una ciste a contenuto ematico che mi stava procurando dei problemi a livello ematologico. Attualmente sono seguita da un centro talassemico dove ogni 4 mesi vado a fare i vari controlli. L'asportazione della milza ha aumentato il livello delle piastrine a 380.000 a volte anche 450.000 prendo una aspirinetta per cardiopatici un giono si e uno no, volevo chiedervi quali sono i rischi per la mia salute in futuro visto che ho notato un maggiore rigonfiamento delle vene a livello epidermico e soffro spesso di dolori alle vene delle gambe.
Continua a leggere...